Excite

Autism Glass, il progetto di Google per curare l'autismo

I Google Glass potrebbero avere finalità mediche, la tecnologia per combattere l'autismo. Il progetto si chiama appunto Autism Glass Project ed è realizzato dall'Università di Standford che per la mancanza di fondi ha rischiato una chiusura ma potrà proseguire il suo lavoro proprio grazie alla donazione di ben trentacinque Google Glass da parte della nota azienda e un investimento di quasi 400 mila dollari da parte di Pachard Foundation.

L'obiettivo è quello di diagnosticare precocemente l'autismo aiutando i bambini colpiti dal disturbo a riconoscere e classificare le emozioni. Tutto attraverso l'analisi del viso di cento pazienti affetti da questa sindrome, per esempio il sorriso che indica la felicità, in cambio di un piccolo premio una volta portato a temine il "compito".

Vaccino causa di autismo, sentenza shock a Milano: indennizzo a famiglia di bimbo malato

Il progetto giunto nella seconda fase permette ai ricercatori di analizzare il comportamento dei bambini monitorando gli eventuali progressi grazie alla registrazione. L'autismo, ricordiamo, è un disturbo neuro-psichiatrico che porta appunto alla diminuzione della comunicazione con gli altri e ad una progressiva chiusura interiore.

Catalin Voss, responsabile del progetto, spera che tutto questo possa abbassare l'età media della diagnosi che negli Stati Uniti è di quattro anni e mezzo, se Autism Glass Project dovesse funzionare si passerebbe a soli due anni e mezzo. Dal canto suo Google sembra intenzionata a proporre i suoi Google Glass per un utilizzo prettamente professionale immaginandone anche un buon business.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017