Excite

Bere acqua distillata: gli effetti sull'organismo

L’acqua, dopo l’ossigeno, è la principale fonte vitale di ogni essere vivente. Se è vero che si può resistere diversi giorni senza mangiare è altrettanto vero che basterebbero un paio di giorni senza bere per compromettere gravemente l’organismo arrivando perfino alla morte. Va da sé quindi che la purezza dell’acqua è una componente fondamentale per la salute dell’uomo, una dichiarazione che fa il paio con gli studi che certificano la relazione tra tumori e sostanze ingerite tramite quello che beviamo e mangiamo. L’acqua distillata è per definizione un’acqua purissima ma quali sono gli effetti sul nostro organismo? Le tesi degli specialisti sono contrastanti.
    Getty Images

La distillazione dell’acqua

Milioni di persone consumano abitualmente acqua del rubinetto. Quest’ultima è spesso ricca di calcare e di altre sostanze che alla lunga danneggiano il nostro organismo. I puristi della dieta salutista sconsigliano fortemente questa scelta e si approcciano con perplessità anche all’acqua in bottiglia che, nonostante i trattamenti di “pulizia”, non sarebbe mai effettivamente pura. Già negli anni ’70 entra in voga il consumo di acqua distillata, un liquido ottenuto con l’evaporazione dell’acqua stessa e la condensazione del vapore acqueo. Questo processo priverebbe l’acqua da minerali e altre sostanze rendendola purissima.

I benefici

Essendo priva di minerali disciolti l’acqua distillata è in grado di reagire con le sostanze con cui viene a contatto. Sarebbe quindi un grande alleato nell’assorbire le sostanze tossiche del corpo che verrebbero poi eliminate attraverso i processi fisiologici dell’organismo. L’acqua distillata avrebbe quindi proprietà benefiche ma la sua assunzione deve avvenire con moderazione. Si deve evitare il consumo in periodi di digiuno in quanto l'acqua distillata non avrebbe la capacità di reagire con le sostanze apportate dal cibo favorendo un indebolimento dell’organismo. L’acqua distillata è inoltre inadatta alla preparazione degli alimenti. I cibi cucinati con acqua distillata infatti vengono privati dei minerali e perdono il valore nutritivo. L’acqua distillata si ottiene con un distillatore adeguato e si conserva in frigo dentro un contenitore sigillato che impedisce l’assorbimento di anidride carbonica presente nell’aria.

Un pericolo per la salute?

Diversi studi sono concordi nell’affermare che un consumo prolungato di acqua distillata può essere pericoloso per l’organismo. L’acqua distillata è infatti un assorbente attivo e il contatto con l’anidride carbonica la renderebbe acida. Un’acidificazione dei tessuti è terreno florido per il proliferarsi di malattie. Secondo l’agenzia di Protezione ambientale americana l’acqua distillata sarebbe aggressiva in quanto tenderebbe a dissolvere le sostanze con cui viene a contatto. Inoltre si deve considerare l’importanza che alcuni minerali hanno per il nostro organismo:una mancanza di questi può favorire infatti l'insorgenze di patologie come osteoporosi, osteoartriti, ipotiroidismo, patologie delle arterie coronarie, alta pressione sanguigna ed un lungo elenco di malattie degenerative generalmente associate ad invecchiamento precoce.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017