Excite

Certificato medico sportivo non obbligatorio in palestra, scoppia la polemica: ancora lo chiedono

  • Google Plus

di Simone Rausi

La legge si fa ma non si applica. Un luogo comune stantio e logoro che, nonostante tutto, rimane comunque valido in molti casi nel nostro Paese. Sotto la lente di ingrandimento, stavolta, ci sono palestre e piscine che, a quanto pare, fanno le orecchie da mercante e buttano alle ortiche le direttive del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Questo almeno è quello che alcuni sportivi amatoriali denunciano.

Ricetta medica rossa: addio da Settembre in Veneto, poi in tutta Italia

Probabilmente sarà capitato anche nel vostro corso di Pilates o in quello di nuoto di sentire una nota di malcontento nelle conversazioni di amici e colleghi. La questione è la seguente: il certificato medico di sana e robusta costituzione che prima era obbligatorio all’atto dell’iscrizione in palestra (e che costava allo sportivo amatoriale fino a 50 euro) oggi non è più obbligatorio. Ma le palestre continuano a chiederlo.

Le nuove linee guida della Lorenzin si applicano ad alunni che svolgono attività fisico-sportive organizzate dalle scuole al di fuori dall'orario di lezione e a tutti gli sportivi non agonisti che decidono di iscriversi in palestra o in piscina per buttare giù qualche chilo o dare un taglio alla sedentarietà d’ufficio. Il certificato medico non è più obbligatorio ma – e qui viene il nodo della questione – rimane facoltativo. Questo significa che le palestre che vogliono tutelarsi, ad insindacabile giudizio discrezionale, possono ancora richiederlo. E a quante pare, in molte, ancora lo fanno.

Secondo il Messaggero si tratta di uno “scarico di responsabilità” in una “situazione legislativa in cui le palestre non si sentono ancora tutelate”. Ma occhi sempre aperti perché in palestra o in piscina nessuno può essere pagato per certificare legalmente il vostro stato di sana e robusta costituzione, a meno che non sia titolato. Il certificate medico, infatti, può essere rilasciato solo dal medico specialista in medicina dello sport ovvero dai medici della Federazione medico-sportiva italiana del Comitato olimpico nazionale italiano. In alternativa ci sono sempre i classici medici di famiglia.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017