Excite

Cosa succede se mi addormento con le lenti a contatto?

Le lenti a contatto hanno finalmente aggirato il problema occhiali per milioni di persone. Sono infatti moltissimi gli italiani che utilizzano le Lac per una questione estetica o di comodità. La vasta offerta proposta, infatti, permette di scegliere la lente ideale per qualsiasi occasione. Ci sono lenti usa e getta, durevoli nel tempo, a base acquosa, morbidissime e comodissime. Quasi nessuna di queste però è indicata per la notte…
    Facebook

UN’ABITUDINE DIFFUSA

Pare infatti che quella di addormentarsi con le lenti a contatto sia una prassi abbastanza comune tra gli italiani. Spesso lo si fa perché la stanchezza prende il sopravvento ma si tratta di un’abitudine pericolosa che, in certi casi, può dare seguito anche a delle patologie o comunque esporre la persona a dei rischi. Se occasionalmente ci si addormenta per qualche ora con le lenti a contatto non è certo un dramma, naturalmente se si tratta di lenti “ad uso continuo”. Se però, invece del classico pisolino, si passa l’intera notte con le lentine, magari di tipo non adatto, al risveglio si potrebbero manifestare alcuni inconvenienti.

I RISCHI DI DORMIRE CON LE LENTI A CONTATTO

Dormire con le lenti a contatto è una pratica sconsigliata da qualsiasi specialista in quanto il rischio è quello di irritare gli occhi o causare danni alla vista. Secondo i ricercatori dell’Università di Manchester, addormentarsi con le lenti aumenta esponenzialmente il rischio di infezione agli occhi e in particolare di cheratite, un’infiammazione della cornea decisamente fastidiosa. Anche quando si dorme fuori casa è bene portare con sé l’apposito contenitore per le lenti a contatto e la soluzione liquida per mantenerle sempre umide. Dopo una notte con le lenti a contatto, al risveglio, si potrebbe avere la vista offuscata e la rimozione potrebbe essere decisamente fastidiosa. In questi casi non bisogna mai cercare di rimuovere le lenti con forza perché si potrebbero arrecare dei danni all’occhio. Il consiglio è quello di lavarsi il viso con acqua tiepida per ammorbidire le lenti e utilizzare il liquido per una migliore rimozione. Subito dopo può essere consigliabile utilizzare per un breve periodo gli occhiali ed effettuare un eventuale controllo dal proprio oculista di fiducia.

ECCEZIONI E ALTRE CATTIVE ABITUDINI

L’unica eccezione è permessa con l’utilizzo di lenti traspiranti, “ad uso prolungato”, che grazie all’elevata permeabilità all’ossigeno diminuiscono la secchezza delle lenti e permettono un utilizzo anche notturno, durante le ore di sonno. Quella di utilizzare le lentine durante le notte, in ogni caso, non è l’unica cattiva abitudine diffusa. Altre cose che si dovrebbero evitare sono: prendere il sole con le lenti a contatto, utilizzarle anche dopo la data di scadenza, non cambiarle frequentemente, non tenerle pulite e utilizzarle anche in caso di arrossamenti dell’occhio.

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017