Excite

Quello che devi sapere dal momento in cui scopri di essere incinta

di Simone Rausi

Avete appena scoperto di essere incinte? Bene, da adesso in avanti iniziano settimane intensissime, piene di cose da fare, di cose da sapere e di cose da vivere. Ecco alcuni momenti che vale la pena di vivere con più attenzione, di programmare anticipatamente o semplicemente di vivere al meglio. Partiamo da [continua nella prossima foto...]

DECIDETE COME COMUNICARLO Il vostro test vi ha dato proprio quella risposta. Bene, adesso, dovete farlo sapere al papà e al resto del mondo. Certo, chiaramente i sentimenti, le aspettative e le reazioni possono essere molto diverse a seconda della situazione in cui vi troviate. A prescindere da questo, però, esistono tanti modi simpatici e originali per rendere ancora più festosa la notizia o la pillola più dolce. Qua ve ne consigliamo qualcuno . Pensavate davvero di andare da lui e di dirgli: “Bravo, hai fatto centro!” ?
SCEGLIETE IL GINECOLOGO DI FIDUCIA Se non avete ancora un medico di riferimento è giunto il momento di fare chiarezza. Vi serve qualcuno di affidabile, di rassicurante e di molto competente. Sappiate che da qui in avanti lo vedrete più di vostra madre e lui vi vedrà nuda molto più di vostro marito. Ah, un Gabriel Garko col cervello di Veronesi e lo stesso interesse per le donne di Cristiano Malgioglio non esiste quindi abbassate le aspettative… ma puntate sempre in alto! (Leggi anche "Come riconoscere le contrazioni")
SCEGLIETE IL GINECOLOGO DI FIDUCIA Se non avete ancora un medico di riferimento è giunto il momento di fare chiarezza. Vi serve qualcuno di affidabile, di rassicurante e di molto competente. Sappiate che da qui in avanti lo vedrete più di vostra madre e lui vi vedrà nuda molto più di vostro marito. Ah, un Gabriel Garko col cervello di Veronesi e lo stesso interesse per le donne di Cristiano Malgioglio non esiste quindi abbassate le aspettative… ma puntate sempre in alto! (Leggi anche "Come riconoscere le contrazioni")
FATEVI UN BEL CALENDARIO No, non come la Marcuzzi ai tempi d'oro spiaggiata a Ostia Lido. Vi serve un piano di tutte le visite, le analisi, i controlli che dovete fare. Sono tanti e c’è il rischio concreto che ve ne possa scappare qualcuno. Pianificatele insieme al medico così da avere un quadro generale che vi servirà ad organizzare al meglio le vostre giornate ed, eventualmente, ad apportare qualche piccola modifica agli stili di vita.
INFORMATEVI MA NON STRESSATEVI Sapere cosa aspettarsi quando si aspetta (giusto per parafrasare un famoso film) è un diritto sacrosanto. È giusto sapere quanto dureranno la nausee e qual è la posizione ideale per dormire ma il confine tra la formazione e la crisi isterica è labile. La rete pullula di moniti, allarmi, paure e drammatiche eventualità che terrorizzerebbero pure il Dalai Lama in piena meditazione. Affidatevi ai medici e agli specialisti che vi seguono e conoscono il vostro quadro clinico e cercate di vivere i nove mesi con serenità. Sembra qualcosa di incredibile che capita solo a voi ma pensate che ci sono passate già milioni di donne…
SCEGLIETE DOVE PARTORIRE E FATE I CONTI GIUSTI La scelta della clinica o dell’ospedale non va rimandata alle ultime settimane. Prendetevi del tempo per ponderare la decisione giusta ma soprattutto armatevi di calcolatrice. Nel caso in cui decideste di optare per una clinica privata accertatevi di conoscere tutti i costi della degenza e dei servizi prima. Se non lo farete alla fine potrebbe arrivarvi una mazzata che le doglie del parto, in confronto, vi apparirebbero un lieve solletico.
SCEGLIETE DOVE PARTORIRE E FATE I CONTI GIUSTI La scelta della clinica o dell’ospedale non va rimandata alle ultime settimane. Prendetevi del tempo per ponderare la decisione giusta ma soprattutto armatevi di calcolatrice. Nel caso in cui decideste di optare per una clinica privata accertatevi di conoscere tutti i costi della degenza e dei servizi prima. Se non lo farete alla fine potrebbe arrivarvi una mazzata che le doglie del parto, in confronto, vi apparirebbero un lieve solletico.
DEDICATEVI ALLO SHOPPING A proposito di conti sappiate che i mesi a venire saranno un tantinello dispendiosi. Non ci pensate. Godetevi invece il “periodo tutina”, quello in cui – magari accompagnate da amiche, sorelle o dalla mamma – girate per i negozietti in cerca di vestitini e scarpette irresistibili, di quelli che fanno uscire la voce in falsetto (la farete anche voi!). C’è il corredino da compare, il passeggino e poi i vestiti per voi. Anche Michelle Hunziker ha preso due etti quindi mettetevi in testa che i vestitini premaman vi servono!
COMINCIATE A FAMILIARIZZARE CON MARZULLO Sottovoce, piano piano ma soprattutto a notte fonda. E si, di nottataccie ne farete il pieno, specie i primi mesi. Nelle ultime settimane dovrete cominciare ad abituare il vostro bioritmo anche se l’adrenalina farà tutto da sé. Certo, non avrete poi tutto questo tempo di vedere la televisione, men che meno Marzullo…. (Leggi anche "Insonnia in gravidanza: i rimedi da utilizzare per dormire meglio")
PENSATE AL CORSO PREPARTO Sempre più donne scelgono di vivere gli ultimi mesi con l’aiuto di un corso preparto. Ginnastica, Yoga, momenti di coppia e una serie di informazioni molto utili per arrivare più preparate e consapevoli (e meno ansiose) al fatidico momento. Alcuni di questi sono organizzati dal Servizio Sanitario Nazionale ma il più delle volte sono abbastanza affollati. Quindi non pensateci all’ultimo momento, se volete rientrare nel numero prenotate il vostro posto all’Asl di riferimento della vostra zona…
LAVORO E DIRITTI Rileggi bene il tuo contratto e verifica quali sono i tuoi diritti e quante settimane di maternità ti spettano. Alcuni mestieri richiedono un congedo di maternità anticipato, alcune posizioni possono risultare pericolose per il buon proseguimento della gravidanza e quindi si può chiedere un ricollocamento. Bisogna inoltre sapere a quali congedi si ha diritto, ai permessi, alle malattie e soprattutto bisogna subito chiarire di poter rientrare a lavoro con la stessa mansione. L’Inps, i Caf e i Patronati possono dare una mano.
GODETEVELA Durante i nove mesi possono esserci diversi momenti difficile, è innegabile. Attimi in cui si è stanchi fisicamente, in cui si è insicuri di quello che verrà, perfino dei momenti di paura o tensione. Ci sono passate tutte. Ricordatevi che state portando a termine qualcosa di bellissimo, un’esperienza che segnerà la vostra vita per sempre e che merita di essere vissuta in tutta la sua completezza. Pensate sempre al piccolino che stringerete tra le braccia, sarà l’obiettivo che vi aiuterà a superare anche gli attimi un po’ più scuri…
GODETEVELA Durante i nove mesi possono esserci diversi momenti difficile, è innegabile. Attimi in cui si è stanchi fisicamente, in cui si è insicuri di quello che verrà, perfino dei momenti di paura o tensione. Ci sono passate tutte. Ricordatevi che state portando a termine qualcosa di bellissimo, un’esperienza che segnerà la vostra vita per sempre e che merita di essere vissuta in tutta la sua completezza. Pensate sempre al piccolino che stringerete tra le braccia, sarà l’obiettivo che vi aiuterà a superare anche gli attimi un po’ più scuri…

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017