Excite

Incinta dopo uno stupro: la scienza smentisce Todd Akin

  • FreeDigitalPhotos.net

"Da quello che capisco dai dottori, una gravidanza dopo uno stupro è davvero rara. Se si tratta di un vero e proprio stupro (a legitimate rape, ndr), il corpo femminile ha parecchi modi per evitare che accada". Con questa frase, pronunciata ieri durante il programma televisivo The Jaco Report, il deputato repubblicano e candidato al Senato per lo stato del Missouri, Todd Akin, è riuscito a fare indignare le donne (e non solo) degli USA e del mondo intero.

L'intervista di Todd Akin a The Jaco Report

Secondo il parlamentare, infatti, per una donna rimanere incinta dopo uno stupro è poco probabile, perché il corpo femminile possiederebbe non meglio precisati meccanismi di difesa che eviterebbero la gravidanza a seguito di un rapporto violento, affermando allo stesso tempo che se avviene la fecondazione dell'ovulo e l'impianto dello stesso nell'utero, allora non di vero e proprio stupro si tratta.

Una dichiarazione che ha provocato un'ondata di sdegno senza precedenti e che ha costretto Akin a tardive e poco credibili scuse - "è chiaro che mi sono espresso male in quell’intervista, che non riflette la mia profonda empatia per le centinaia di donne che sono violentate e abusate ogni anno" - tanto più che il repubblicano è un convinto antiabortista, che nel 1991 ha votato a favore di una legge per rendere illegale lo stupro all’interno del matrimonio e l'anno scorso per un'altra che ne ridefinisse il significato, aggiungendo l'aggettivo "violento".

Ma oltre a essere vergognosa e incommentabile da un punto di vista strettamente umano, la sparata di Akin è anche priva di fondamento scientifico. Uno studio condotto nel 1996 dall'American Journal of Obstetrics & Gynecology è giunto infatti a conclusioni diametralmente opposte, affermando che "la gravidanza conseguente a uno stupro si manifesta con frequenza significativa".

Realizzata su un campione di 4.008 donne adulte americane, durante un lasso di tempo di tre anni, la ricerca ha evidenziato che il tasso di gravidanza conseguente a uno stupro è del 5% "tra le vittime in età fertile (dai 12 ai 45 anni)" e che ogni anno 32.101 donne restano incinte dopo aver subito violenza. Di queste, la maggior parte si trova in età adolescenziale e nel 47.1% dei casi non riceve immediate cure mediche dopo lo stupro: fatto che per il 32.4% di loro si traduce nella scoperta della gravidanza nel secondo trimestre, quando non è più possibile abortire. In merito a ciò, lo studio dell'American Journal of Obstetrics & Gynecology evidenzia che il 32.2% delle vittime decide di tenere il bambino e il 5.9% di darlo in adozione, mentre il 50% sceglie di interrompere la gravidanza e l'11.8% va incontro a un aborto spontaneo.

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017