Infiammazione al collo dell'utero: cause, sintomi e rimedi

Come nelle altre patologie infiammatorie anche l'infiammazione al collo dell'utero può essere conseguenza di diverse situazioni più o meno gravi. A prescindere da questo, è comunque necessario un immediato controllo ed un eventuale intervento terapeutico, visto che le 'cicatrici' lasciate dalla flogosi (che accompagna sempre l'infiammazione) posso portare anche alla sterilità. Ecco quindi le cause, i principali sintomi ed alcune cure comuni.

Cosa è l'infiammazione al collo dell'utero e come riconoscerla

Innanzitutto l'infiammazione al collo dell'utero è accompagnata da una stessa problematica che colpisce anche le tube di Falloppio, ed in alcuni casi viene coinvolta la zona della vagina. Questo perché è proprio dalla vagina, che provengono i batteri che rappresentano una delle principali cause dell'infiammazione stessa. Tra le infezioni che possono dare fastidi anche all'utero, troviamo le forti candide, la clamidia e la meno frequente gonorrea. Un altro fattore che favorisce l'infiammazione è la perdita del corretto ph della regione, causato da una scarsa igiene (che logicamente favorisce anche le infezioni), o di contro un eccessivo uso di lavande (che essendo molto aggressive distruggono il normale ambiente ricco di flora batterica). Un'ultima causa della PID, come viene scientificamente chiamata questa patologia, è rappresentata da disordini ormonali (legati soprattutto all'età o dall'uso di estrogeni) o ,peggio, a polipi e situazioni neoplastiche.

Sintomi I sintomi sono logicamente: dolore con estensione alla zona pelvica (simili a quelli mestruali) dovuti al gonfiore dei tessuti; a questo si aggiungo, nei casi derivati da un’infezione, anche perdite più o meno maleodoranti con un colore che va dal rosato al verde. Sempre nel caso delle infezioni è presente febbre che, associata al dolore durante le minzioni, fa credere al paziente di avere la cistite. Altri sintomi che possono completare il quadro sono: dolore durante i rapporti sessuali, incontinenza e, nei casi di maggiore stato infiammatorio, anche perdite di sangue dalla vagina.

Cure

E' da ribadire la necessità di riferirsi ad un medico che potrà valutare più attentamente la situazione (già con la digitopressione) o magari rinviare il paziente ad analisi più approfondite come il Pap Test o l'ecografia pelvica. Tra le cure più comuni, comunque troviamo gli antibiotici (essenziali nel caso delle infezioni), i comuni antiinfiammatori ed antiflogistici. Oltre a bere molto è possibile anche un'approccio fitoterapico (nei casi meno gravi) con alcune piante disinfettanti (uva ursina e solidago) e 'sgonfianti' (hidrastis e ananas in primis). Da evitare i rimedi della nonna come le lavande di acqua ed aceto che variando il ph possono peggiorare la situazione.

Prevenzione e attenzione

A costo di cadere nella monotonia, non si può non ripetere che la prevenione continua ad essere la prima arma. Effettuare con regolarità visite, ed effettuare il Pap test rispettando le scadenze, rappresentano un punto fondamentale per evitare che casi di infiammazione al collo dell'utero si trasformino in vere e proprie odissee, con la necessità di procedere a cure spesso pesanti per il resto dell'organismo. Quando si va nei bagni pubblici, sarebbe meglio organizzarsi con le bombole spray di disinfettanti che sono in grado di eliminare la maggior parte dei batteri.

Alina Timpau

bravisimi

2013-06-26 21:48:44
Luigi Di Cosmo

stpite isolato E.coli/enterococcus sp

2013-08-08 08:49:39
Pina Scanu

da poco ho fatto una polipectomia all'utero dopo 6 meso questi sono i referti del pap test:negativo per lesione intraepiteliale o malignita'.- Infiammazione cronica aspecifica- flora batterica mista....sono in menopausa e non ho nessun sintomo... ma che significa???

2014-01-22 18:20:33
Milena Ciaravolo

Salve , oggi ho ricevuto il risultato del pap test fatto a fine maggio e questo è il referto: Assenza di lesioni intraepiteliali o neoplastiche maligne. Sono presenti modificazioni cellulari reattive e/o riparative . A cosa si riferiscono queste modificazioni cellulari reattive o riparative? grazie

2014-06-24 11:12:03

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2014