Excite

Influenza A, presto vaccinazioni al via. Già pronte 500mila dosi

Con l'autunno oramai iniziato diventa più forte la paura per la diffusione del virus dell'influenza A/H1N1. A tal proposito è interventuo il viceministro della Sanità Ferruccio Fazio, il quale ha affermato che il ministero della Salute ha già a disposizione 500mila dosi del vaccino e che l'azienda farmaceutica Novartis ha confermato la sicurezza e la disponibilità del prodotto che è stato già testato su 6mila volontari in tutto il mondo.

Secondo quanto annunciato da Fazio il vaccino dovrebbe essere disponibile in Italia prima del 15 novembre. Nel frattempo la prossima settimana arriveranno nuove circolari alle regioni volte a regolare, tra le altre cose, anche l'attività dei medici nei prossimi mesi.

Il viceministro ha affermato: "Abbiamo sempre detto che il vaccino sarebbe arrivato tra il 15 ottobre e il 15 novembre, ma potrebbe essere anche prima. Quindi mi auguro che in questo periodo si possa procedere alla vaccinazione. Il vaccino arriverà, le prime dosi per i servizi essenziali ci saranno forse addirittura entro il 31 ottobre. Ma ripeto che servirà per i servizi essenziali e per le categorie a rischio, perché la gente che non ha delle malattie importanti non rischia niente per questo virus".

Il viceministro ha anche sottolineato che attorno all'influenza A sembra non si stia creando particolare allarmismo. A tal proposito ha citato il caso della scuola in provincia di Arezzo che non ha chiuso nonostante metà dei suoi studenti si siano ammalati. Fazio ha evidenziato: "Il fatto della scuola di Arezzo non è stato oggetto di grande attenzione sulla stampa e questo indica che ormai la gente ha capito che non c'é da preoccuparsi. Parliamo di una malattia lieve, solo in pochissimi casi può dare problemi, e per questi casi siamo attrezzati".

Il viceministro ha poi fatto sapere che tra gli interventi previsti sarà richiesto alla Lombardia "di coordinare a livello nazionale le attività per la circolazione extra-polmonare", Fazio ha detto: "Non è ancora certo, ma è un fatto che su cinque macchine di questo tipo in Italia, quattro sono nella regione Lombardia".

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017