Excite

Intossicazioni da colibatteri, negli Usa ogni anno ci sono 70mila infettati

Partendo dalla tragica ed assurda vicenda di Stephanie Smith, 22 anni, il New York Times ha dedicato un'inchiesta sulle intossicazioni da colibatteri e sulla facilità con cui è possibile caderne vittime a causa della catena alimentare ad altissimo rischio che quotidianamente mette in pericolo la salute degli americani e non solo.

Oggi Stephanie è paralizzata dalla vita in giù, ma fino a due anni fà era una ragazza piena di vita e in salute. Il calvario di Stephanie è iniziato quando, per il classico barbecue americano della domenica, ha mangiato un hamburger che, anziché contenere carne di prima qualità come descritto sull'etichetta, era fatto di ritagli e scarti provenienti dai più disparati mattatoi degli Stati Uniti e non solo.

Dopo aver mangiato il suo hamburger la giovane ha cominciato ad avvertire dolori di pancia e crampi, fino alla diarrea e al sangue alle feci. A quel punto è arrivato il ricovero al St. Cloud Hospital del Minnesota, qui la ragazza è entrata in coma, vi è rimasta per nove mesi e quando si è risvegliata il suo sistema nervoso era stato danneggiato. Stephanie da quel momento è paralizzata e la causa sta nell'intossicazione da colibatteri contratta mangiando quell'hamburger.

Come sottolineato dal quotidiano Il Corriere della Sera, nonostante le aziende produttrici di cibo e le reti di distribuzione americane abbiano dal 1994, quando un'intossicazione collettiva da colibatteri esplose nei ristorati Jack the Box portando alla morte di 4 bambini, il divieto di vendere prodotti contaminati, ogni anno negli Stati Uniti ci sono 70mila persone che contraggono l'agente patogeno dopo aver ingerito prodotti delle grandi multinazionali alimentari.

Con la sua inchiesta il New York Times ha evidenziato un sistema in cui è assente qualsiasi norma sulla sicurezza igienica e in cui, sottolinea Il Corriere della Sera, "mangiare un hamburger equivale a una scommessa".

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017