Excite

La ricerca della felicità, 5 recensioni

Il cinema americano è stato conquistato da questo film. Il lungometraggio racconta il sogno americano per antonomasia, quello del self-made man, quello dell'eroe che nonostante le avversità riesce a farcela. Il protagonista è la star del cinema Will Smith. E fino a qui tutto normale, se non fosse che il film è girato da un italiano, Gabriele Muccino. Il film ha veramente qualcosa di diverso? Piacerà in Italia? E lo sarà quanto i precedenti film di Muccino?
... a mio parere il punto debole del film è questo. Le sfighe alle quali i protagonisti sono sottoposti sono ripetute, incredibilmente consecutive e soprattutto dotate di una pesantezza tale che già a metà film sei bombardato di oscuri presagi per tutta la durata della pellicola. Forse si è un po' esagerato e credo che meno disgrazie non avrebbero peggiorato il film e non avrebbero compromesso il messaggio finale. Alla fine comunque reputo buono il lavoro di Muccino, ma non credo di aver assistito ad un capolavoro. "L'ultimo bacio" mi aveva colpito di più.
Leggi tutto l'articolo di 'mister giulio' su Culturama
Non ero un grande fan di Muccino, dei suoi ultimi film... Invece la Ricerca della felicità mi sembra Un film decisamente riuscito. Non un capolavoro, certo, ma un ottimo film medio. Questo va tutto a merito di Muccino, perchè girare un film a Hollywood non è come girare un film in Italia. E avere a che fare con una star come Will Smith non è facile, non è come dirigere la Bellucci o Bentivoglio. (...) Certo Will Smith è molto bravo e lontanissimo dalle parti un po' spaccone di Man in Black. (...) C'è una capacità di radicare questa storia, ce è l'eterna storia del mito americano.. dentro una concretezza quotidiana, che veramente ti colpisce. (...) anche se sai che alla fine lui riesce a superare tutti i problemi. Eppure stai a vederlo. (...) Ne esce un quadro degli anni che si chiamavano dell'edonismo reganiano non dico inedito, ma abbastanza originale.. (...) Secondo me questa traferta americana gli ha fatto proprio bene..
Guarda la video recensione di P. Mereghetti
Io dico che Muccino, questa volta, non ha fatto un cattivo film. Anzi, datemi il diritto di sbilanciarmi. E' il suo film migliore. Nessun virtuosismo gratuito, nessuno sfoggio di tecnica. Ha messo, per una volta, la macchina da presa al servizio della storia.
Leggi tutto l'articolo di Ezio Ponari
The pursuit of happyness è un film abbastanza ordinario. Onesto magari, quello sì, ma scritto e girato senza andarci troppo di fino, con qualche piccolo tocco personale (sia in fase di scrittura - "this part of my life is called"- che in cabina di regia - qualche movimento di macchina ben compiuto, ma i quasi-virtuosismi de L'ultimo bacio sono lontanissimi), che appena appena si vede. Comunque, molto pacato per essere un film di Muccino.
Leggi tutto l'articolo
Ha proprio ragione Bergson. Sono andato a vedere La ricerca della Felicità di Muccino. Il film dura tre anni. Leggi tutto l'articolo

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017