Excite

Processo troppo lungo: Laura Antonelli risarcita

Laura Antonelli, l'attrice di "Malizia" e "L'innocente", assolta dall'accusa di detenzione di sostanza stupefacente, dopo 9 lunghi anni, sarà risarcita dal ministero della Giustizia, che oltre a pagare le spese processuali dovrà corrispondere una cifra pari a 108 mila euro.

La somma, disposta dalla Corte d'appello civile di Perugia nel maggio scorso, è stata ritenuta legittima anche dalla Cassazione. Per la Suprema Corte, "la giustizia-lumaca ha senz'altro influito in maniera determinante sulla destabilizzazione psichica della Antonelli", causando all'attrice stress e depressione.

Nel 1991 nella casa dell'Antonelli, vennero trovati 24 grammi di cocaina. Il processo fu devastante per l'attrice che ingrassò più di trenta chili e il suo corpo si trasformò anche a causa di interventi estetici che la deturparono.
(Ecco una fotogallery che la ritrae all'apice della carriera e della bellezza.)

Lo psichiatra Francesco Bruno che ha firmato la perizia grazie alla quale è stato riconosciuto il risarcimento, riguardo alle condizioni di salute dell'attrice, ha riferito che: "L’ultima volta che le ho parlato era in condizioni preoccupanti. In preda a crisi mistica e sdoppiamento della personalità, è stata colta da un delirio di espiazione che l’ha portata a identificare se stessa con il male".

Inizialmenete il ministero della Giustizia aveva respinto la richiesta di risarcimento sostenendo che la somma era troppo elevata, ma Piazza Cavour ha dato ragione all'Antonelli. La protagonista di "Malizia" ha dichiarato che una parte della somma andrà in beneficenza.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017