Excite

Quali sono le vaccinazioni obbligatorie per i neonati

Le vaccinazioni obbligatorie per i neonati sono relative solo ad alcune possibili malattie e hanno un calendario ben preciso, a partire dal compimento dei tre mesi di vita del piccolo. Riguardo alla mancata somministrazione del vaccino, la legge è diversa rispetto al passato quando scattava il divieto di frequentazione della scuola per i bambini. Il quadro normativo prevede ora soltanto un colloquio dei genitori con i sanitari dell’Asl per la spiegazione della scelta. Il confronto può ripetersi periodicamente. Al di là di questi aspetti, è opportuno entrare nello specifico per essere pienamente informati. In linea teorica, in caso di epidemia, i genitori possono pure essere accusati di aver favorito la diffusione delle patologie.
    Dal web Leggilanotizia.it

Neonati: ecco le vaccinazioni obbligatorie

Insomma, quali sono le vaccinazioni obbligatorie per i neonati? La più antica è l’antidifterica per evitare il contagio della difterite, una patologia trasmissibile per via aere a causa di un ceppo di batteri che stimola la produzione di una pericolosa tossina. Il soggetto che contrae la patologia può morire per soffocamento. Il vaccino è stato introdotto nel secondo Dopoguerra, debellando una malattia che provocava migliaia di morti su una decina di migliaia di casi. Tra le vaccinazioni obbligatorie ci sono l’antitetanica, che scongiura l’infezione da tetano che può arrivare per un banale taglio e il contatto con i batteri (per esempio il taglio rimediato su un ferro arrugginito), e l’antipoliomielitica che mette al sicuro il bambino dalla poliomielite, un virus che tocca il sistema nervoso e causa la paralisi temporanea.
Infine, c’è la vaccinazione antiepatitevirale B, malattia del fegato che si trasmette per contatto di fluidi e di sangue.
    Dal web Salute33.com

La vaccinazioni non obbligatorie ma consigliate per i neonati

La vaccinazioni non obbligatorie per i neonati riguardano le malattie esantematiche: pertosse, morbillo, parotite e rosolia. Tuttavia, nonostante siano facoltative, è consigliabile sottoporre i bambini a questo vaccino perché queste patologie possono risultare mortali, seppure in una percentuale di casi ridotta. Inoltre se prese in età non più infantile o adolescenziali i sintomi rischiano di essere molto fastidiosi con il pericolo di complicazioni.

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017