Excite

Rinite allergica: i rimedi per alleviare la "febbre da fieno"

Naso che cola, prurito alla gola e al palato, tosse, lacrimazione, starnuti, respiro affannoso, difficoltà a dormire: è la rinite allergica, un’infiammazione tipica del periodo primaverile che colpisce ogni anno milioni di italiani. In buona parte dei casi questi sintomi si presentano tutti ma, a volte, se ne manifestano solo alcuni.

    Facebook

A cosa è dovuta la rinite allergica?

La rinite allergica (o febbre da fieno) è la manifestazione di una reazione del sistema immunitario a delle sostanze che, normalmente, sarebbero del tutto innocue. Nei soggetti allergici l’organismo produce una sostanza chimica denominata istamina che procura i sintomi di cui sopra a contatto con l’allergene (nei casi più frequenti i pollini). Non esistono ancora certezze in grado di spiegare come mai alcuni soggetti sarebbero più allergici di altri. Potrebbe trattarsi di un disturbo ereditario o potrebbe evidenziare una scarsa funzionalità della ghiandola tiroidea. Inoltre spesso le allergie si acuiscono o diminuiscono nel tempo, in base anche a stili di vita e stress.

Qual è il periodo in cui la rinite allergica diventa più fastidiosa?

Si tratta di una patologia stagionale che si manifesta in concomitanza della fioritura dei pollini. Ogni pianta ha un calendario di fioritura differente e il soggetto allergico può avvertire i sintomi non solo in primavera ma anche nelle altre stagioni. Se poi l’allergia è dovuta ad altri elementi come la polvere il periodo di riferimento diventa praticamente continuo (anche se in primavera tutte le allergie tendono ad acuirsi). La rinite primaverile è spesso dovuta da erba, fiori e alberi. Quella che si manifesta in tarda estate invece è spesso dovuta alle muffe.

Come curare la rinite allergica?

I farmaci più diffusi sono sicuramente gli antistaminici da banco. Bisogna scegliere quello giusto insieme al proprio medico e, se il caso, variarlo stagionalmente per non fare si che l’organismo si “abitui” al principio. Soprattutto in caso di gravidanza, prima di prendere degli antistaminici, è necessario consultare il medico. Non tutti gli antistaminici provocano torpore e sonnolenza, anche in questo caso la scelta deve avvenire analizzando tutti i fattori. Per placare la rinite si possono anche prendere degli anticongestionanti, spray o sciroppi. Lo stile di vita aiuta: l’esercizio fisico facilita l'eliminazione delle tossine, vivere in un ambiente igienico e pulito aiuta ad alleviare i sintomi, inoltre integratori alimentari, aerosol e aromaterapia possono rappresentare un validissimo aiuto. Infine curate l'alimentazione: una dieta sana e leggera (con un ridotto consumo di latticini e prodotti da forno) potrebbe favorire una ripresa più veloce.

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017