Excite

Salute, mangiare velocemente aumenta il rischio di obesità

Secondo alcuni studiosi giapponesi dell'Università di Osaka mangiare velocemente aumenta il rischio di obesità. Gli studiosi hanno esaminato le abitudini alimentari di 3mila individui e hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sul British Medical Journal. I dati emersi hanno dimostrato che gli uomini che mangiano velocemente hanno l'84 per cento di probabilità in più di diventare obesi.

Secondo il professor Ian McDonald, dell'Università di Nottingham, se si mangia velocemente si riempie lo stomaco prima che si riesca a formare la risposta gastrica che comunica al cervello che lo stomaco è pieno. La vecchia regola di masticare almeno 20 volte potrebbe quindi essere un valido aiuto per aiutarci a mangiare più lentamente.

I ricercatori australiani Elizabeth Denney-Wilson e Karen Campbell hanno però affermato che questo meccanismo che oggi ci porta ad essere grassi potrebbe rivelarsi un domani un utile strumento per sopravvivere in un momento in cui le risorse potrebbero scarseggiare.

Secono il dottor Jason Halford, direttore del Kissileff Human Ingestive Behaviour Laboratory presso l'Università di Liverpool, il modo in cui mangiamo è un fattore nodale nella ricerca sull'obesità. Ad attestare ciò la pubblicazione di studi che hanno evidenziato una variante genetica legata alle "sensazioni di pienezza".

Halford ha sottolineato che la ricerca condotta dagli studiosi giapponesi, nella quale sono state analizzate le differenze individuali nel modo di mangiare, ha evidenziato un eccessivo consumo di cibo. Altre ricerche poi hanno sottolineato che il modo in cui si mangia potrebbe essere un fattore ereditario o imparato nell'infanzia. Ma Halford ha anche precisato che al momento non c'è nessuna prova a dimostrazione del fatto che insegnare ai bambini a mangiare lentamente possa poi avere un impatto sui futuri tassi di obesità.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017