Excite

Sclerosi multipla: analisi del sangue per riconoscerla

  • LaPresse

Riconoscere la sclerosi multipla con l'analisi del sangue? Fino ad oggi la risposta è no, ma arrivano nuove ricerche scientifiche che aprono un importante spiraglio in tal senso.

Lo studio arriva dall'Ospedale San Raffaele di Milano ed è stato pubblicato dal "Journal of autoimmunity": i ricercatori di neurologia sperimentale in collaborazione con l'Associazione italiana sclerosi multipla sono arrivati ad interessanti conclusioni.

"Per questo studio - spiega il capoprogetto Cinthia Farina - sono stati valutati più di 20.000 geni nel sangue di pazienti con sclerosi multipla e questi profili sono stati paragonati a quelli di donatori sani, introducendo un nuovo approccio nell'analisi statistica e bioinformatica che tenesse conto del genere maschile o femminile del malato".

Aggiunge la ricercatrice che sono stati ottenuti marcatori in grado di distinguere in maniera molto precisa i malati dalla popolazione sana: "In altre parole, andando avanti nella ricerca sarà possibile, un domani, capire da un prelievo di sangue se una persona è affetta da sclerosi multipla oppure no".

Sicuramente un passo avanti nella ricerca scientifica che aiuta a fare anche chiarezza su un tema importante: per il momento non è possibile associare sclerosi multipla ad analisi del sangue, ma presto sarà possibile riconoscere questa malattia con la più semplice delle analisi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017