Excite

Sonno, attenti al debito cronico. E' difficile recuperare

Cattiva notizia per tutti coloro che hanno ore arretrate di sonno e sperano di tornare al top con una bella dormita. Secondo uno studio condotto da Daniel Cohen del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston gli effetti del debito cronico di sonno sono differenti e più gravi di quelli della perdita di sonno acuta.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine sostiene che il debito cronico di sonno è molto più insidioso per le performance cognitive perché il recupero è lento e difficile, sempre che sia possibile del tutto.

All'Ansa il ricercatore ha spiegato che nel nostro cervello è presente una molecola, l'adenosina, che entra in circolo quando dormiamo poco e se il sonno diventa cronico il segnale inviato dall'adenosina si fa 'assordante' per il cervello e difficilmente rientra. La vita frenetica a cui siamo abituati spesso ci fa sottovalutare l'importanza del sonno. Dormire è importante, perché mentre dormiamo il cervello mette ordine tra tutte le informazioni inglobate durante il giorno. Per non parlare del fatto che la perdita di sonno danneggia le nostre capacità mnemoniche e di apprendimento.

Lo studioso ha verificato che nel caso si resti svegli per 24 ore di seguito per recuperare è sufficiente una dormita di dieci ore; se invece il debito di sonno è cronico, ossia se si dorme una media di 5/6 ore a notte per tre settimane, non solo non si riesce a recuperare, ma si osserva anche una diminuzione delle proprie performance cognitive.

 (foto © LaPresse)

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017