Excite

Spannolinamento: come togliere il pannolino al piccolo in pochi giorni

L’abbandono del pannolino è un momento spesso difficile della crescita che può comportare non pochi stress per la mamma e il bambino. Ma qual è il momento migliore per affrontarlo e come gestire al meglio la situazione? Ecco alcuni importanti consigli…

    Facebook

Capire che è arrivato il momento giusto

Solitamente il pannolino si toglie nell’anno compreso tra i due anni e mezzo e i tre anni e mezzo. Per capire che il periodo è quello giusto basta diventare delle buone osservatrici. Innanzitutto osservate il pannolino che cambiate. Se dopo un paio d’ore questo è ancora asciutto vuol dire che il piccolo ha iniziato a controllare la vescica. Sarà poi il bambino a farvi capire che è giunta l’ora di abbandonare il pannolino. I segnali sono tanti: vuole essere cambiato subito dopo averla fatta, vi fa capire di aver fatto pipì o cacca nel pannolino, interagisce con voi o mostra curiosità verso il vasino o il water. A questo punto è il momento di agire.

Prima fase

Nella prima fase cercate di incuriosirlo in merito all’argomento vasino. Leggete dei libri divertenti o scegliete insieme il vasino magari guardandoli su internet. Poi accompagnatelo in bagno e spiegategli passo passo tutto quello che bisogna fare fino al lavaggio delle mani. Siate sicure e sorridenti, non mostrate mai incertezze che possano far presagire un insuccesso. Annotate le ore in cui solitamente il piccolo fa i suoi bisogni e quando sarà il momento di passare al vasino incoraggiatelo a bere. A volte i bambini, involontariamente, possono limitarsi nel bere. Comprate delle bottigliette colorate. Ricordate che può essere più semplice ma soprattutto per voi più pratico effettuare lo spannolinamento durante la stagione più calda.

Seconda fase

La seconda fase è quella operativa. Ricordate di non stressare troppo il bambino e di non prendere impegni importanti in quei giorni (visite mediche, inizio dell’asilo e altre cose stressanti). Non bisogna rimproverare il bambino per degli incidenti che non sono voluti o fare delle smorfie durante le operazioni di pulizia. Mai metterlo sotto pressione con frasi come “i tuoi amichetti non hanno più il pannolino”, “ormai sei grande”, “vogliamo fare questa pipì o no?”. Bisogna rendere il bagno un luogo piacevole. Lasciate il bambino solo per qualche secondo in bagno. Mettete sempre dei pantoloni con l’elastico per facilitare l’abbassamento e se il piccolo, senza più il pannolino, vorrà girare nudo per casa concedeteglielo. Infine ricordate sempre di premiarlo con dimostrazioni fisiche, abbracci, baci e piccoli regalini.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017