Excite

Lo sport e i disabili nell'atletica leggera, per superare qualsiasi barriera

Con l'avvicinarsi delle Olimpiadi di Londra, rivolgiamo la nostra attenzione verso i giovani disabili che vogliono imparare a superare le loro difficoltà attraverso lo sport. Con le Paralimpiadi, atleti diversamente abili, da tutte le parti del mondo, si confronteranno per conquistare il posto più alto del podio. Tutti questi ragazzi che dimostrano tanto coraggio e la voglia di non arrendersi mai, avranno l'opportunità di dimostrare le loro fantastiche prestazioni. Tra i vari sport per disabili troviamo anche l'atletica leggera.

Tutto sull'atletica leggera

Tra i vari sport per disabili troviamo l'atletica leggera, con le stesse specialità dei normodotati. Per chi predilige questa disciplina, può confrontarsi nelle gare di corsa sprint su pista (100,200,400m.), mezza distanza (800,1500m), distanza lunga (5.000, 10.000m) e staffetta (4x100, 4x400m.). Possono scegliere di diventare dei maratoneti o affrontare il salto in alto, lungo e triplo. C'è il lancio del peso, del disco, del giavellotto e pentathlon.

La pratica di questo sport è per persone in carrozzina, cerebrolesi, dotati di protesi ed ipo-vedenti sempre affiancati da una linea guida. Per quanto riguarda gli equipaggiamenti, gli atleti che vogliono gareggiare in competizioni nazionali ed internazionali debbono attenersi alle regole dettate dall'IPC (International Paralympic Commettee). Gli sportivi che gareggiano in carrozzina debbono avere una sedia a rotelle secondo regolamento, mentre i disabili visivi possono usare cordicelle di collegamento con atleti guida o dei segnali acustici per indicare il momento del distacco o il rilascio di un attrezzo.

Un esempio di una donna che ha intrapreso l'attività agonistica nell'atletica leggera è la famosa Annalisa Minetti, aiutata dal corridore olimpico Andrea Giocondi. La cantante si sta preparando per le Paralimpiadi di Londra 2012 sugli 800 e 1500 m. Annalisa afferma: "Non sento la difficoltà del cordino...perché io e Andrea siamo due persone distinte che corrono per lo stesso traguardo".

Dove allenarci

A Firenze c'è un centro dove è possibile fare allenamenti e praticare sport, per disabili che scelgono l'atletica leggera e molte altre discipline. La Polisportiva Silvano Dani è un punto di riferimento per i non vedenti con lo scopo di favorire anche la socializzazione e l'integrazione. A Ravenna è nato il Centro Sport Terapia per soggetti portatori di handicap con corsi anche per atletica leggera.

salute-benessere.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017