Excite

Svelata la dieta di Flavio Briatore, niente frutta e verdura perché fanno ingrassare

  • Youtube

Io non sono semplicemente un nutrizionista, sono un genio. Sono in società con Dio, io al 51, lui al 49 per cento. Dio è umile, io no. Lui ti ha creato, io ti modello”. È così che si descrive Alberico Lemme, il dietologo sulla bocca di tutti grazie alla remise en forme di Flavio Briatore.

Le recenti foto che ritraggono Mr Billionaire, in realtà, non lasciavano molto spazio all’immaginazione: una tiratina qua e là pare abbastanza evidente, soprattutto considerando l’età. Poi, invece, è saltato fuori questo Lemme sostenendo che il pupillo a sei zeri non ha ceduto al lifting ma ha semplicemente seguito un suo programma alimentare. Un Dio per davvero, dal momento che, quello operato su Briatore, ha tutta l’aria di un miracolo.

Un uomo di 66 anni perde, in breve tempo, 16 chili e il suo viso appare magicamente disteso: niente rughe, niente pelle molliccia che pende da collo e guance. Il “genio” Lemme ha raccontato l’esperienza a La Zanzara su Radio 24 e, se c’è una cosa che quest’uomo non ha mai messo a digiuno, è sicuramente il suo ego.

Lemme ha spiegato come queste diete abbiano sempre suscitato molte perplessità fra gli addetti ai lavori. Eppure i fatti parlano: “Briatore è un cadetto perfetto, un allievo perfetto. Ha mangiato tantissimo, il mio metodo è che si può dimagrire mangiando tantissimo. L’altro giorno ha mangiato un bel piatto di spaghetti olio e peperoncino a colazione, 400 grammi. A pranzo una bella costata di manzo, anzi una fiorentina da un chilo e duecento grammi, mentre a cena asparagi e spinaci. Settecento grammi”. Pasta e grassi come se non ci fosse un domani.

Perché fa male dormire a pancia in giù?

Dottor pasta a colazione, infatti, va controcorrente e ammette tutto ciò che, fino ad ora, abbiamo considerato nemico del peso forma: “Quello che fa ingrassare sono i pomodori, l’insalata, la verdura, l’aceto, il sale, le carote, il latte e la frutta. Quello che abbassa il colesterolo e non fa ingrassare è l’olio, il burro e il grasso. Nessuno mi crede, tutti mi criticano. Ma è la verità. Ovviamente niente alcolici e pane”. Ovviamente. Una vita di rinunce, insomma.

Un metodo, il suo, che lavora anche sulla sottile psicologia del paziente: “Quando un ciccione viene da me gli dico ‘buona sera, ciccione, ben arrivato'. Lo metto di fronte alla realtà, lo fotografo e proietto la foto, così gli faccio vedere quanto è grasso. E gli dico come fa ad avere il coraggio di andare in giro in quelle condizioni. Ma non ti vergogni ad andare in giro così? Come fai a fidanzarti, a mettere su famiglia, a cuccare? Come fai a trombare, se non riesci neppure a vederlo? Qualcuno ogni tanto si incazza e mi vuole menare”.

Forse (ancora) nessuno ha alzato le mani ma pare che molte celebrities di casa nostra (da Lucio Presta a Paola Perego a Enrico Brignano) abbiano contribuito ad alzare il suo conto in banca sebbene, a detta sua, abbia prezzi contenuti: “Costo 244 euro al mese, è pochissimo, faccio un servizio 24 ore su 24. Tra Briatore e uno qualsiasi non c’è differenza. E ci rimetto pure”. Dio si è fatto nutrizionista ed è venuto ad abitare in mezzo a noi? Mangiare per credere. Noi, in questo caso, preferiamo restare atei.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2021